Inaugurazione restauri Oratorio

Anno 2004-2005
Luogo Oratorio San Filippo Neri

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmailby feather

Invito

Brochure

“Servite il Signore nella gioia!”

obbedisco a questo versetto del salmo,
così bello per un figlio di San Filippo,
ed è con gioia che porgo il saluto di benvenuto
da parte mio e della nostra Congregazione.

Innanzitutto il saluto va a Sua Eminenza il Cardinale Arcivescovo,
a Sua Eccellenza monsignor Piacenza,
al signor Assessore al Patrimonio, che rappresenta qui il Sindaco di Genova,
al Soprintendente per i Beni Architettonici
al Procuratore Generale della Confederazione dell’Oratorio,
e  alle autorità tutte;
ma poi a tutti i convenuti,
qui numerosi per festeggiare la riapertura di un tesoro così prezioso
e per anni, per troppi anni, chiuso.

Oggi si riapre.
Si riapre nel giorno dell’Immacolata,
davanti alla sua immagine mirabilmente scolpita dal Puget.
Si riapre dopo un profondo lavoro di restauro,
che ha rispolverato una bellezza nascosta e l’ha protetta dalle intemperie.

Ma si riapre anche dopo che una delibera comunale – quella del luglio 2003 –
ha affidato nuovamente la gestione della Sala alla nostra Congregazione.

Un passaggio da poco, direte,
ma in realtà così significativo e importante:
noi nasciamo per l’Oratorio,
affettivamente l’Oratorio è casa nostra,
anche se la proprietà rimane del Comune.
E la delibera non fa che rendere omaggio alla realtà
e saggiamente affidare un bene cittadino
a coloro che lo custodiranno con il più grande affetto,
a nome e per conto di tutti i genovesi.

Così l’appuntamento è per i prossimi mesi:
per Pasqua, a Dio piacendo, inizieremo con i concerti.
Ma già prima sarà nostra cura renderci disponibili per le visite,
per far circolare aria e persone all’interno dell’Oratorio!

E’ necessario ora ringraziare:
tutti coloro che hanno reso possibile questa festa.

Il Comune di Genova,
soprattutto l’assessorato al Patrimonio,
con il quale si è lavorato per arrivare all’atto del 2003
e dal quale, con tanta pazienza, aspettiamo vengano compiuti
gli ultimi adempimenti burocratici.

La Soprintendenza
che con i fondi ministeriali ha curato la grossa parte dei restauri,
quelli della Sala, della sua copertura e della facciata,
insieme alle ditte che vi hanno lavorato,
per tutte la Cooperativa Archeologia di Firenze.

Poi la Fondazione CARIGE e la Regione Liguria,
che con il loro finanziamento ci hanno permesso
di completare il restauro dell’avancorpo, tetto e controfacciata,
lavoro eseguito principalmente dalla ditta Tecnoconsul di Genova.

E poi quanti hanno collaborato per la manifestazione di oggi:
ancora la Fondazione CARIGE,
poi la Circoscrizione Centro Est,
la Soprintendenza,
i commercianti di Via Lomellini,
la Onlus ORATORIUM,
la nostra Cappella Musicale,
affiancata dal Coro Musica Nova e diretti dal maestro Faveto.

Tante realtà:
tutto testimonia che l’Oratorio di San Filippo appartiene a Genova!

Buona serata e grazie.

padre Stanislaw Morawski

Preposito della Congregazione

8 dicembre 2004